Ufficio EsterI

Sviluppo Relazioni Internazionali

Ufficio Sviluppo Relazioni Internazionali

Il lavoro dell’Ufficio Sviluppo Relazioni Internazionali di A.I.FI. opera seguendo due linee direttrici principali:


ASSOCIATIVA

Rapporti con la WCPT di cui siamo membri dal 1995

PROFESSIONALE

Monitoraggio titoli e lavoro dei fisioterapisti italiani all’estero ed stranieri in Italia

WCPT – ER-WCPT

A.I.FI. è membro dal 1995.  La WCPT accetta una sola organizzazione per Nazione e l’adesione è soggetta a valutazione di requisiti specifici di ammissione


L’Ufficio si occupa delle relazioni con la World Confederation for Physical Therapy (WCPT) ed in particolare dei rapporti con la European Region (ER-WCPT)  coordinando anche la presenza e rappresentanza di colleghi italiani all’interno di tavoli tecnici e gruppi di lavoro.
L’Ufficio Estero svolge anche attività di monitoraggio delle iniziative comunitarie ed internazionali nel campo della fisioterapia. L’Ufficio si interessa, inoltre, delle proposte e segue le attività che riguardano la professione del fisioterapista nei Paesi membri dell’Unione Europea.

RICONOSCIMENTO E MONITORAGGIO TITOLI ESTERI

L’Ufficio Estero fornisce supporto e monitoraggio sulle procedure concernenti il riconoscimento delle proprie qualifiche professionali in uno Stato membro diverso da quello dove le qualifiche sono state ottenute.
Il servizio è disponibile sia per i cittadini dell’UE che intendono ottenere il riconoscimento delle proprie qualifiche professionali in Italia che per i cittadini italiani interessati a spostarsi in uno dei Paesi membri, per stabilirsi o per esercitare in regime di libera prestazione.
L’attuale direttiva si applica a tutti i cittadini dei 27 Stati membri dell’Unione Europea (UE), nonché ai cittadini dell’Islanda, Norvegia e Liechtenstein, che intendono esercitare una professione regolamentata in uno Stato membro diverso da quello in cui hanno acquisito le loro qualifiche professionali, sia come lavoratori autonomi sia come lavoratori dipendenti. La direttiva prevede oltre alla «libertà di stabilimento» la possibilità della «libera prestazione di servizi».
Il decreto si applica ai cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea che vogliano esercitare sul territorio nazionale, quali lavoratori subordinati o autonomi, compresi i liberi professionisti, una professione regolamentata in base a qualifiche professionali conseguite in uno Stato membro dell’Unione Europea e che, nello Stato d’origine, li abilita all’esercizio di detta professione.

Il Team

Il Team di lavoro dell’ufficio è così costituito

CANNONE MICHELE

Responsabile dell’Ufficio / Rapporti con WCPT

GIGLI LOREDANA

Riconoscimento e monitoraggio titoli esteri

RAMPONI CARLO

Rapporti con i subgroups

PELOSIN ELISA

Membro Work Group: EU MATTERS

FERRARI VALENTINA

Comunicazione e story telling

MARCHI ALBERTO

Rapporti con i fisio all’estero

CONGRESSI INTERNAZIONALI WCPT

Assicurazione Professionale – FAQ

Abbiamo raccolto in modo da rendere immediata e semplice la lettura, le domande più frequenti e le relative risposte sul tema assicurazione professionale che ci sono state rivolte dai nostri associati nel tempo

La Polizza è conforme a quanto previsto dalla legge Gelli/Bianco?

La polizza, è allo stato perfettamente aderente alle disposizione della legge 24/2017 (Gelli/Bianco) e comprende le garanzie pregressa e postuma decennale (quest’ultima in caso di cessazione volontaria e definitiva dell’attività lavorativa)

Sono un neolaureato (sessione autunnale) ho bisogno dell'assicurazione fino al 28 Febbraio?

il premio per il periodo ottobre febbraio è riservato ai fisioterapisti neolaureati della sessione autunnale ed ammonta ad € 20,00

Vorrei il MAV comprensivo di Polizza da 40 euro

Esiste una sola opzione di pagamento unificato (quota associativa più polizza assicurativa RC annuale da 60€). Per la polizza da 40€ annuali devi seguire le procedure descritte in questa pagina alla voce “Polizze: 40€ 60€ 80€

Cosa è previsto nel caso di rivalsa da parte della struttura privata nei confronti del fisioterapista dipendente?

La polizza tiene indenne l’Assicurato dalla rivalsa esperita da parte del datore di lavoro, o dall’Impresa di assicurazione del datore di lavoro, per tutti i danni arrecati a terzi dal fisioterapista assicurato e derivanti da comportamento colposo posto in essere con colpa grave

Cosa è previsto nel caso di rivalsa da parte della struttura pubblica nei confronti del fisioterapista dipendente?

La polizza tiene indenne l’Assicurato dalla azione di rivalsa esperita dal datore di lavoro (Ente Pubblico) con sentenza della corte dei conti passata in giudicato. Il fisioterapista pubblico dipendente è responsabile per i soli danni derivanti da comportamento colposo posto in essere con colpa grave

Sono un neo iscritto AIFI posso usufruire dell'opzione MAV + quota Polizza assicurativa?

No, il MAV comprensivo della quota assicurativa e del modulo di adesione precompilato è una prerogativa dei vecchi iscritti (dal 2013 in poi). Questo perchè per i nuovi iscritti non è ancora stata controllata la validità del titolo abilitante la professione

La Polizza copre l’assicurato anche in mancanza di una prescrizione medica?

Sì è valida in ogni caso, sia con che senza prescrizione medica

COME CONTATTARCI

Se in questa pagina non hai trovato le risposte che cercavi puoi contattarci utilizzando i recapiti sottoindicati oppure compilando il modulo

in base alle vigenti norme, i dati eventualmente inseriti saranno utilizzati solo per poter rispondere alla richiesta e saranno cancellati immediatamente dopo

4 + 13 =