NUMERO PRECEDENTE

Direttore Responsabile: Mauro Tavarnelli

Editor: Aldo Ciuro

Assistant Editor: Davide Bruno Albertoni; Claudio Ciavatta

Associate Editors: Alessandro Chiarotto; Alessio Signori; Andrea Tettamanti; Andrea Turolla; Antonio Poser; Carla Vanti; Donatella Valente; Elisa Pelosin; Francesco Serafini; Giulia Guidi; Giuseppe Plebani; Lucia Bertozzi; Marco Baccini; Marco Testa; Matteo Paci; Michela Bozzolan; Michele Romano; Michele Spinosa; Oscar Casonato; Roberto Gatti; Roberto Meroni; Silvano Ferrari; Silvia Bielli; Silvia Gianola; Stefania Costi; Tiziana Nava

Cari colleghi, come di consueto vi presento i contenuti del nuovo volume di Scienza Riabilitativa, il 20.2.
Il primo articolo dei colleghi Erica Barboni e Andrea Turolla è una revisione della letteratura inerente un argomento molto attuale e dibattuto in Fisioterapia in generale e in Terapia Manuale in particolare: la accuratezza e l’affidabilità delle procedure di palpazione vertebrale. In particolare la revisione si è posta lo scopo di valutare l’accuratezza, l’affidabilità inter e intra-esaminatore delle procedure palpatorie vertebrali e valutare l’eventuale ricaduta clinica in termini di affidabilità nel reperire un livello vertebrale, diagnosticare il livello vertebrale ipomobile e determinare l’eventuale tipo di disfunzione vertebrale. Un punto di forza di questa revisione è certamente il rigore metodologico utilizzato nel valutare la qualità degli studi inclusi che ha permesso di dare il giusto peso ai risultati ottenuti. La lettura di questo articolo permetterà di chiarire, in base ai risultati dei migliori studi ad oggi disponibili, l’utilità ed i limiti delle tecniche di palpazione vertebrale dei pazienti con disordini muscoloscheletrici del rachide.
Il case report descritto da Denis Pennella e colleghi rappresenta un caso emblematico di quanto sia importante la gestione fisioterapica nei pazienti con cefalea. In particolare il paper descrive il percorso diagnostico-terapeutico di un paziente che, dopo il fallimento del trattamento farmacologico, è stato sottoposto a ben 2 interventi chirurgici che però non hanno dato i risultati sperati. Solo grazie ad un trattamento fisioterapico complesso e ritagliato in modo sartoriale sulla persona il paziente ha raggiunto un recupero soddisfacente del suo stato di salute biopsicosociale. La lettura del full text vi darà certamente tanti spunti di ragionamento clinico diagnostico-terapeutico da applicare nella gestione dei vostri pazienti.
La recensione delle colleghe Antonella D’Aversa e Valentina Fiorin si riferisce al testo “Asymmetry and infants born preterm” scritto dalla collega Jaqueline Nuijsink ricercatrice presso l’università di Utrecht. Si tratta della pubblicazione della tesi di dottorato dell’autrice presso il Child Development Center del Wilhelmina Children’s Hospital dell’University Medical Center di Utrecht, Paesi Bassi, e riporta i risultati di cinque studi sulle asimmetrie del cranio e della postura del capo nel bambino nato pretermine e sulla correlazione di tali asimmetrie con lo sviluppo motorio. Il testo è suddiviso in 7 capitoli e si rivolge prevalentemente a Fisioterapisti esperti in area pediatrica che lavorano con neonati e lattanti e rappresenta un valido sostegno nelle fasi di diagnosi funzionale e differenziale e di ragionamento clinico. I contenuti sono utili sia per la pratica clinica sia per la formazione e la ricerca. Non vi resta che leggere attentamente questa recensione per i dettagli.

Come sempre un grazie di cuore a tutto il Board di Scienza Riabilitativa e ai colleghi che scelgono di condividere i risultati del loro lavoro sulla nostra Rivista contribuendo alla crescita professionale di tutti.

Buon lavoro a tutti.

Aldo Ciuro

Scarica la rivista

APPENDICE SR 20.(2)

In questa appendice alla rivista Scienza Riabilitativa 20.2, liberamente scaricabile, troverete un report dettagliato in forma tabellare