Nei giorni scorsi dalla commissione Affari sociali della Camera e dalla commissione Sanità del Senato  è giunto il via libera al Dpcm sui nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea) con l’accoglimento di alcune delle richieste presentate dall’AIFI. Nei pareri, inoltre, si chiede al Comitato di aggiornamento (che dovrà pronunciarsi in prima scadenza entro la fine di febbraio) di recepire delle significative modifiche; questa potrebbe essere l’occasione per raccogliere altre importanti osservazioni e proposte inviate dall’Associazione già nel 2015 e presentate durante le varie audizioni (Memoria AIFI audizione LEA 28-11-2016Memoria AIFI audizione LEA 06-12-2016).

Per una più facile lettura in allegato pubblichiamo i due pareri con evidenziati in giallo le parti modificate secondo quanto richiesto da AIFI che, nella propria memoria, ha sostenuto anche quelli proposti dalla FISH.

Resta invece la criticità contro cui ci eravamo espressi relativa alla presenza di un “Progetto riabilitativo individuale (PRI)” in alternativa al “Progetto di assistenza individuale (PAI)” e non come parte di esso. Viene anzi addirittura amplificata nel parere della Commissione Affari Sociali, perché al punto m) viene estesa alle cure domiciliari (articolo 22 comma 2), e alle cure palliative domiciliari (articolo 23, comma 2), in quanto  si chiede che dopo le parole: “Progetto di assistenza individuale (PAI)” siano aggiunte le seguenti: “ovvero, ove necessario, di un Progetto riabilitativo individuale”. Infatti la congiunzione “ovvero”, così posta, pone purtroppo il PRI in alternativa al PAI.

Parere Comm.ne Affari Sociali

Parere Comm.ne Igiene e Sanità