Terapie fisiche ed eventi avversi: il bando per la selezione di due evidence reviewer

Entro il 22 agosto è possibile rispondere al bando pubblicato da AIFI per la selezione di due evidence reviewer per la revisione sistematica della letteratura in risposta al quesito clinico "eventi avversi nella somministrazione di terapie fisiche in percorsi fisioterapici".
INDICE
    Add a header to begin generating the table of contents

    Entro il 22 agosto è possibile rispondere al bando pubblicato da AIFI per la selezione di due evidence reviewer per la revisione sistematica della letteratura in risposta al quesito clinico eventi avversi nella somministrazione di terapie fisiche in percorsi fisioterapici.

    Nell’ambito del percorso fisioterapico vengono utilizzate diverse strategie di trattamento: oltre a esercizio terapeutico, terapie manuali, proposta e addestramento all’uso di ausili e educazione terapeutica, vengono somministrate terapie basate su diverse tipologie di energie fisiche – meccaniche, termiche, elettromagnetiche – attraverso apparecchiature elettromedicali.
    Periodicamente, in diversi contesti istituzionali, emerge l’ipotesi che durante tali somministrazioni si possano verificare eventi avversi che richiedano un immediato intervento medico mettendo così in dubbio la possibilità di un utilizzo libero e autonomo da parte del fisioterapista di tali apparecchiature.

    “Il rischio clinico è la probabilità che un paziente sia vittima di un evento avverso, cioè subisca un qualsiasi danno o disagio imputabile, anche se in modo involontario, alle cure prestate a seguito dell’applicazione di terapie fisiche” spiega Silvia Gianola, responsabile scientifico del progetto, “questi si possono verificare, ad esempio, nel caso l’apparecchiatura sia stata applicata in una condizione clinica in cui era controindicata, nel caso sia stata utilizzata in modo scorretto o inaccurato o in caso di anomalie di funzionamento del macchinario”.

    AIFI nel suo ruolo di società scientifica propone di elaborare una rapid systematic review, documento di pratica clinica basato su una rigorosa e attenta revisione della letteratura, con l’obiettivo di valutare l’incidenza di eventi avversi derivanti dall’uso di apparecchiature elettromedicali nella pratica fisioterapica e di supportare le istituzioni e i singoli professionisti in qualsiasi situazione di dubbio su tale argomento si trovino coinvolti. Sarà valutata inoltre la stratificazione degli eventuali danni in gravi, moderati e lievi, al fine di definire se vi siano apparecchiature con parti applicate che, in generale o solo in quali condizioni, richiederebbero particolare attenzione.

    La scadenza è il 22 agosto: per tutti i dettagli e per le modalità di presentazione della domanda:

    ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI

    Dati ufficiali della Protezione Civile elaborati da A.I.FI. e aggiornati tutti i giorni alle ore 18:30.
    A tutti gli iscritti al GIS in Fisioterapia Geriatrica ricordiamo che stasera 30 giugno 2022 si svolgerà l’assemblea elettiva con elezione del nuovo Comitato Esecutivo Nazionale GFG dalle ore 20:00 alle ore 22:00 in modalità online.
    Proseguono gli eventi della serie di webinar promossi dalla SEZIONE TERRITORIALE AIFI LAZIO e appartenenti al Ciclo di Webinar: “La parola ai GIS” che si terrà lunedì 11/07 alle ore 21.00 sulla piattaforma Zoom. Il topic affrontato sarà: “Ruolo del pavimento pelvico nel low back pain aspecifico”
    Finalmente dopo il rinvio di Marzo per causa di forza maggiore, possiamo comunicarvi che il 03-04/09/2022 a Mosciano Sant’Angelo in provincia di Teramo, si terrà l’evento formativo in presenza “MANAGEMENT DELLE LESIONI MUSCOLARI NELLO SPORTIVO: UN APPROCCIO EVIDENCE BASED E NUOVE PROPOSTE DI TRATTAMENTO” promosso dalla Sezione Territoriale AIFI Abruzzo in collaborazione con la GISPT Academy.
    Luglio 2022 il nuovo Webinar IFOMPT: “Cognitive Functional Therapy for people with disabling low back pain” – Cosa aspetti clicca subito sul link!
    Oggi, 28 giugno 2022, al Ministero della Salute per la Giornata dell’Incontinenza promosso da Fincopp, il Presidente AIFI Simone Cecchetto, con Associazioni di Pazienti e altre Società Scientifiche, hanno segnalato con forza le difficoltà di accesso dei cittadini alle cure fisioterapiche specialistiche nelle disfunzioni del pavimento pelvico e proposto soluzioni concrete, fattibili, sostenibili.