21/11/2019
w
0

Stati generali Incontinenza il 27-28 Novembre a Roma, presente anche A.I.FI.

Applicare l’Accordo della Conferenza Stato Regioni del 24 gennaio 2018, attivando i ‘Tavoli Regionali sull’incontinenza’ che vedono la partecipazione dei pazienti, degli Ordini professionali e delle Società Scientifiche di settore. Attivare in ogni regione i ‘Centri di primo, secondo e terzo livello’, seguendo l’esempio ‘a costo zero’ della Regione Piemonte. Avviare un confronto sulle Linee Guida e sui PDTA per le persone che soffrono di incontinenza e disturbi al pavimento pelvico. Sono questi gli obiettivi principali dei due giorni di confronto a Roma, al ministero della Salute, i prossimi 27 e 28 novembre (Sala Riunioni, Lungotevere Ripa, 1).

La FINCOPP convoca gli Stati Generali

La FINCOPP, la Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico, convoca infatti i primi Stati Generali dell’Incontinenza per accendere i riflettori sul tema, evidenziando le linee strategiche dell’Associazione. In occasione del ventennale dalla sua costituzione, l’invito al confronto della FINCOPP è esteso alle altre professioni sanitarie coinvolte nel trattamento della patologia, come A.I.FI., FNOPO e FNOPI), all’Ordine dei medici, ai Medici di Medicina Generale, alle Società Scientifiche che agiscono direttamente sui pazienti.

La partecipazione dell’Associazione Italiana Fisioterapisti, rappresentata dal presidente Mauro Tavarnelli, sarà utile anche a evidenziare il ruolo del fisioterapista per fare recuperare correttamente le funzioni del pavimento pelvico attraverso metodi e strumenti fisioterapici, l’insegnamento di semplici strategie che richiedono soltanto la costanza dell’applicazione, l’esposizione di alcuni facili suggerimenti riguardo allo stile di vita più opportuno per affrontare questo tipo di problemi. Infatti negli ultimi decenni il mondo scientifico ha dimostrato come la fisioterapia e la riabilitazione del pavimento pelvico costituiscano il primo approccio terapeutico per la cura dell’incontinenza urinaria, migliorando o risolvendo il disturbo.