Sono in rete i nuovi numeri delle riviste dell'Aifi, in parte consultabili sul web e in questi giorni in distribuzione postale ai soci in formato "cartaceo". Il bimestrale Fisioterapisti (n. 7/04) affronta molte questioni e sviscera numerosi temi. Nell'editoriale il presidente Vincenzo Manigrasso fa un punto dello stato dell'arte sull'istituzione degli ordini per le professioni sanitarie, sottolinenando i passi fatti finora dall'Associazione e le strategie che verranno adottate per il futuro. I pregi e i difetti, i vantaggi e i rischi del nuovo sistema informatico per la gestione dei soci è l'argomento al centro dell'articolo del consigliere Aifi Antonio Bortone, che entra anche nel merito dei dati tecnici del progetto. Il responsabile dell'ufficio giuridico, Mauro Tavarnelli, affronta il tema di copertina: "Siamo dottori o fisioterapiti?", sulla riforma delle qualifiche accademiche e sul titolo di "dottore".
E ancora. Nello speciale formazione, focus sull'Osservatorio nazionale sull'Ecm di recente costituzione, sull'accreditamento dei provider della formazione, sugli obiettivi formativi. Un'intervista al cantautore Bruno Lauzi, che nonostante il Parkinson continua a lottare, cantare, comporre. Le novità introdotte dalla riforma universitaria. La formazione continua obbligatoria per tutti i professionisti che erogano prestazioni sanitarie, secondo l'interpretazione data dal ministero della Salute. Chiudono il numero i corsi organizzati dalla Società scientifica italiana di fisioterapia & ribialitazione.

Vai al sommario di Fisioterapisti