Ictus cerebrale il 29 Ottobre è la Giornata Mondiale

Campagna di prevenzione dell’Ictus cerebrale – il contributo di A.I.FI.

In Italia l’ictus cerebrale è la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie (10%-12% di tutti i decessi per anno) e la principale causa d’invalidità.

L’ictus ischemico rappresenta la forma più frequente di ictus cerebrale (80% circa), mentre le emorragie intraparenchimali riguardano il 15%-20% e le emorragie subaracnoidee circa il 3%

La prevenzione è considerata la misura più importante per ridurre il peso bio-psico-sociale dell’ictus.

È ormai stabilmente riconosciuto che la prevenzione dell’ictus cerebrale comincia con il controllo e il trattamento dei fattori di rischio mediante due fondamentali “tipi” di strategie preventive, che sono di fatto, complementari: strategie di popolazione e strategie individuali su soggetti a rischio elevato.

La rilevanza della patologia ha una ricaduta sociale importante poichè gli esiti sono spesso altamente invalidanti.

A.I.FI. è da sempre impegnata nella diffusione di percorsi di informazione, riconoscimento, tempestività, cura e riabilitazione dell’ictus cerebrale.
Collabora alla stesura ed aggiornamento “Ictus Cerebrale: Linee guida italiane di prevenzione e trattamento – Raccomandazioni e Sintesi”.
Mentre il Gruppo di Interesse Specialistico (GIS) Neuroscienze ha come obiettivo quello di identificare gli strumenti del recupero motorio nella complessità cognitiva ed emozionale, oltre che motoria, del gesto. A questo si associa l’esigenza di esplorare nuovi e intriganti ambiti utili a rendere sempre più efficace l’intervento del neuroriabilitatore, all’interno del team multidisciplinare.

I fattori di rischio nell’ictus cerebrale

A prescindere dal tipo di evento ischemico o emorraggico alcuni fattori di rischio restano costanti

Fumo di sigarette

prevenzione ictus cerebrale - fumo

Ipertensione arteriosa

prevenzione ictus cerebrale - ipertensione

Abuso di Alcol

prevenzione ictus cerebrale - abuso di alcol

Conoscere il nemico

I sintomi da non sottovalutare nel caso di ictus cerebrale

Deficit motorio

degli arti superiori, quando uno degli arti superiori non si muove o cade se confrontato con l’altro

difficoltà motorie

Paresi facciale

Quando un lato del viso non si muove bene come l’altro

ictus cerebrale - mal di testa lancinante

Difficoltà nel linguaggio

Quando il paziente strascica le parole o usa parole inappropriate o è incapace di parlare.

difficoltà di linguaggio

FAST – una parola che salva la vita

FAST veloce in inglese e la velocità è un fattore cruciale per limitare i danni che possono derivare dall’insorgere dell’ictus cerebrale. L’acronimo sta per:

F (Faccia) chiedere di sorridere e osservare se uno degli angoli della bocca non si solleva o cede
A (Arms: braccia) fare sollevare le braccia e osservare se una delle due tende a cadere
S (Speech: linguaggio) chiedere di ripetere una frase e valutare se il soggetto la ripete in modo sconnesso o biascicato
T (Tempo) La presenza di uno o più di questi impone di chiamare, senza esitazioni, il numero unico di emergenza europeo 112.

Un messaggio di speranza

Concludiamo con un messaggio di speranza e lo facciamo riportando la storia di una famiglia che ha vissuto il dramma dell’ictus cerebrale in prima persona, superandolo.

Vi racconto l’ictus di mia moglie e i medici che l’hanno salvata in cambio di una stretta di mano

Per la durata della settimana che precede il 29 Ottobre il sito nazionale cambierà il proprio logo istituzionale modificandolo in base al tema “ictus cerebrale” per sottolineare, anche graficamente, l’importanza della giornata

logo A.I.FI. modificato