Obiettivo principale: elaborare una metodologia di lavoro che coinvolga tutti gli attori che operano a favore delle persone affette dalle diverse disabilità e miri a concordare un linguaggio condiviso e finalizzato a "misurare" lo stato di salute delle persone e, più in generale, la qualità della vita.

Nasce così l'importante iniziativa dal titolo esplicativo: "Dalla Disabilità alla Cittadinanza: percorsi riabilitativi e meccanismi di condivisione a confronto" che si terrà i prossimi 29 e 30 Gennaio a Trieste.

Ricordando che l'Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene fondamentale ricercare un linguaggio comune fra i diversi operatori di salute, gli organizzatori intendono stimolare un approccio integrato al mondo delle diverse abilità promovendo la cooperazione tra istituzioni sanitarie, enti locali, associazioni di disabili e di familiari, privato sociale, nella costruzione di percorsi assistenziali condivisi e confrontarsi con altre esperienze nazionali.

Altro scopo dei lavori è sensibilizzare nei riguardi della buona prassi su interventi a favore delle persone con disabilità gravi e delle loro famiglie.

Nel Convegno, patrocinato anche da A.I.FI. – Friuli-Venezia Giulia, verranno presentate le conclusioni dei lavori fatti nei mesi precedenti da gruppi interdisciplinari e, dopo il confronto con altre realtà, fatte delle proposte di condivisione per una gestione omogenea dei percorsi assistenziali in materia di: SLA, M. di Parkinson, Sclerosi Multipla, Stroke, Trauma Cranico, Traumi Mielici.

Per informazioni si contatti la Segreteria Organizzativa: tel. 0403992844.

Domenico D'Erasmo