Giornata Mondiale della Fisioterapia: Comunicato stampa

GIORNATA MONDIALE DELLA FISIOTERAPIA: UNA PROFESSIONE IN PRIMA LINEA PER LA RISPOSTA AI BISOGNI SOCIO-SANITARI, LA PREVENZIONE E LA PROMOZIONE DELLA SALUTE
INDICE
    Add a header to begin generating the table of contents

    GIORNATA MONDIALE DELLA FISIOTERAPIA: UNA PROFESSIONE IN PRIMA LINEA PER LA RISPOSTA AI BISOGNI SOCIO-SANITARI, LA PREVENZIONE E LA PROMOZIONE DELLA SALUTE

    ROMA, 9 SETTEMBRE – “Occorre partire sempre dall’ascolto dei cittadini e dei pazienti, per costituire la nuova Sanità sui bisogni reali e non su ideali organizzativi. Per questo la fisioterapia nelle case della comunità, a fianco di medici di medicina generale e infermieri, sarebbe fondamentale ad esempio per prendere in carico subito problemi muscolo-scheletrici prima che si aggravino, per potenziare l’autonomia delle persone con disabilità persistenti o progressive attraverso le tecnologie assistive, insieme ad altre professioni, e per promuovere in percorsi di Long term care l’attività fisica fatta in contesti extra sanitari. E sarebbe coerente, peraltro, con quanto emerge dalle evidenze in letteratura. La Fisioterapia è riduzione e prevenzione di bisogni ed è quindi una risorsa fondamentale per garantire la sostenibilità del Sistema Salute”: con queste parole Simone Cecchetto, presidente AIFI, ha concluso a Roma l’evento promosso in occasione della Giornata Mondiale della Fisioterapia e dedicato a PNRR E DM77, Artrosi e malattie reumatiche nei nuovi modelli di Assistenza Territoriale: il contributo della Fisioterapia.

    La Giornata mondiale 2022 era dedicata alle malattie reumatologicheed AIFI ha invitato ad aprire i lavori proprio due rappresentanti di associazioni di pazienti, Antonella Celano (presidente APMARR) e Lucia Marotta (presidente ANIMASS) che hanno raccontato quanto sia complesso poter accedere ad una presa in carico attenta e continua, sottolineando allo stesso tempo l’importanza della fisioterapia per “il mantenimento di un’alta qualità della vita”. Una qualità che – hanno sottolineato Roberto Gerli (presidente Società Italiana Reumatologia) e Daniela Marotto (presidente Collegio dei Reumatologi) – passa inevitabilmente per un approccio di sistema diverso che nel passato. “Se un reumatologo non è consapevole del ruolo della fisioterapia in reumatologia, credo debba pensare a cambiare mestiere”, ha detto provocatoriamente il professor Gerli. E’ la necessità di un modello interdisciplinare ad emergere da tutto l’ambito della reumatologia e dalle altre specialità, la stessa che poi ha sottolineato Mattia Bisconti (presidente del Gruppo di interesse specialistico in ambito muscolo scheletricoGTMAIFI), “perché oggi la vastità e complessità dei bisogni ci sta portando verso una necessaria interdisciplinarietà,e ci sta portando verso nuovi modelli assistenziali in cui l’educazione terapeutica dei pazienti e dei loro care-givers offra a tutti loro un’autonomia molto maggiore delpassato”.

    Nell’evento dell’8 settembre – a cui hanno portato il proprio saluto anche la senatrice Paola Boldrini, la senatrice Anna Parente, l’onorevole Beatrice Lorenzin e l’onorevole Elena Carnevali, tutte ricordando l’importanza di fare fronte comune a favore della sanità anche in un periodo di confronti politico-elettorali – la sessione finale ha offerto un approfondimento delle tematiche del Pnrr e del DM77 che introduce norme su “Regolamento recante la definizione di modelli standard per lo sviluppo dell’assistenza territoriale del Servizio Sanitario nazionale”. Maria Teresa Menzano (Direzione generale Prevenzione del Ministero della Salute) ha sottolineato l’importanza di creare ed irrobustire un sistema di alleanze non chiuso tra gli attori della salute, ma anche ampliato ad altri ambiti. Per Francesco Enrichens (AGENAS) il DM77 – che definisce gli obiettivi strategici, le strutture che compongono la rete dei servizi territoriali, gli standard assistenziali in rapporto alla popolazione, i parametri di riferimento del personale e le modalità organizzative e funzionali – sottolinea il rapporto tra bisogni e personale sanitario, dando una nuova spinta all’identificazione delle competenze utili all’interno dei processi e delle organizzazioni. E proprio qui emerge la necessità della presenza del fisioterapista, che è chiamato ad essere parte del team delle case di comunità e delle altre strutturesoprattutto (ma non solo) nell’ambito delle cronicità. Il tema delle equipe e del team nei nuovi modelli avviati dal DM77 è stato rilanciato anche da Teresa Calandra (presidente Federazione Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica, delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione), mentre Melania Salina (vice presidente della Commissione d’Albo Nazionale dei Fisioterapisti) ha puntualizzato che il ruolo del fisioterapista, anche alla luce dei contenuti della giornata, è sempre più vasto, ponendosi in diretto rapporto con il sistema socio-sanitario, sia con la prevenzione, che con la promozione della salute.

    L’evento AIFI (con oltre cento presenti presso Palazzo Giustiniani ed oltre 300 connessioni online), realizzato in collaborazione con la Commissione d’Albo Nazionale dei Fisioterapisti, è stato coronato dall’intervento del ministro alla salute, Roberto Speranza, che ha comunicato di aver firmato, proprio in occasione della Giornata mondiale, il Decreto che istituisce gli Ordini dei fisioterapisti. Un gesto concreto ed anche simbolico che Piero Ferrante, primo presidente del nuovo Ordine professionale, ha salutato “come un nuovo inizio atteso daoltre 60 anni da unaprofessione fondamentale nelSistema Salute. “Il prossimo passo” – conclude Cecchetto – “è la rimodulazione della formazione di base e specialistica e il potenziamento della ricerca, aumentando la presenza di fisioterapisti e altre professioni nel ruoli universitari, per poter sviluppare e diffondere nuove e sempre più efficaci risposte ai bisogni dei cittadini”

     

    ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI

    Pubblicati gli esiti dello studio “Classificazione e quantificazione degli interventi in neuroriabilitazione”, progetto di ricerca promosso dal GIS Fisioterapia Neurologica e Neuroscienze AIFI e dalla Fondazione Don Gnocchi.
    CORSO TEORICO-PRATICO – CONDIZIONAMENTO FISICO ED ALLENAMENTO DELLA FORZA, TRENTO, 08 E 09 OTTOBRE
    Il coordinamento territoriale A.I.FI. Trentino Alto Adige è lieto di annunciare, grazie alla collaborazione con il GIS SPORT, la realizzazione dell’evento accreditato ECM in partnership con Sinergia e Sviluppo dal titolo “Condizionamento fisico ed allenamento della forza”, tenuto dalla docente fisioterapista e RISPT Registered International Sports Physical Therapist, dott.ssa Lisa Cosi. Attraverso questo evento formativo il discente acquisirà conoscenze e competenze in merito al condizionamento della forza da poter applicare nella programmazione di un intervento riabilitativo, dalle prime fasi in acuto fino al ritorno alla partecipazione sportiva. Per tutti i soci A.I.FI. e GIS SPORT riservata una quota agevolata fino al raggiungimento del numero massimo consentito.
    IMPORTANTE NOVITA’ PER COLORO CHE SI ISCRIVERANNO AL 2° CONGRESSO EUROPEO DI FISIOTERAPIA PEDIATRICA: sono aperte le iscrizioni anche alla Cena del Congresso, imperdibile momento di convivialità e occasione di confronto, scambio di idee ed esperienze, che si terrà nella serata di Venerdì 7 Ottobre 2022.