Condizionamento fisico e allenamento della forza in collaborazione con AIFI Trentino Alto Adige

DOCENTE: LISA COSI DATE: 08-09 OTTOBRE 2020 | EVENTO ACCREDITATO 22.3 ECM grazie alla partnership con Sinergia&Sviluppo

CORSO

210 € | Soci A.I.FI. e GIS SPORT 250 € | Soci A.I.FI. ordinari 150 € | Soci A.I.FI. studenti 330 € | Non soci A.I.FI.

La fisioterapia è movimento. Per questo è importante comprendere e saper applicare i principi di fisiologia del condizionamento della forza calati allo specifico contesto riabilitativo.
Che si tratti di pazienti in fase riabilitativa o nella fase di ri-atletizzazione sportiva, la capacità di programmare e somministrare l’esercizio terapeutico più adeguato permette di accompagnare il paziente attivamente verso i suoi personali obiettivi.

Obiettivi e contenuti.
Attraverso questo evento formativo il discente acquisirà conoscenze e competenze in merito al condizionamento della forza da poter applicare nella programmazione di un intervento riabilitativo, dalle prime fasi in acuto fino al ritorno alla partecipazione sportiva. Verranno forniti al discente gli strumenti per analizzare i bisogni del paziente ed adattare sulle esigenze specifiche
un piano di esercizi. Il corso svilupperà i concetti di teoria di fisiologia del movimento fino alla loro applicazione pratica, con riferimento a scenari clinici della riabilitazione.

Perché partecipare?
Il corso prevede di fornire al fisioterapista conoscenze e competenze in merito al
condizionamento della forza da poter applicare nella programmazione di un intervento
riabilitativo, dalle prime fasi in acuto fino al ritorno alla partecipazione sportiva.
Verranno forniti al discente gli strumenti per analizzare i bisogni del paziente ed adattare sulle esigenze specifiche un piano di esercizi. Il corso svilupperà i concetti di teoria di fisiologia del movimento fino alla loro applicazione pratica, con riferimento a scenari clinici della riabilitazione.

Per maggiori informazioni scarica il programma

 

Grafici con gli andamenti dei contagi covid19 in Italia e per regioni
Torna su