Commissioni di Albo e Consigli Direttivi degli Ordini. Si apre la fase storica delle elezioni

Dopo la lunga e complessa fase delle iscrizioni, nelle quale AIFI è stata impegnata come le altre associazione maggiormente rappresentative a valutare i titoli agli Albi nei 61 Ordini TSRM PSTRP, inizia ora la fase di massima partecipazione degli iscritti: le elezioni degli organi direttivi degli Albi e, in alcuni casi, degli Ordini.

Si parte in questo weekend con gli Ordini TSRM PSTRP di Trapani e Foggia e seguire tutti gli altri fino al 29 dicembre.
A.I.FI. augura a tutta la professione e a tutti i candidati la migliore esperienza di partecipazione alla nascita degli organi di rappresentanza.
Per proseguire nel compito istituzionale che ancora ricopre fino alla nascita della Commissione nazionale di Albo, proponiamo alcune domande e risposte per aiutare gli elettori in questa fase.

Quali sono i compiti della Commissione d’Albo?

Sintetizzando quanto previsto dagli art. 2 e 3 della legge 11 gennaio 2018 n.3 (c.d. “Legge Lorenzin”), i compiti delle Commissioni di Albo sono:

  1. proporre al Consiglio Direttivo l’iscrizione all’albo del professionista, valutando quindi i titoli di studio;
  2. assumere la rappresentanza della Professione;
  3. nominare i rappresentanti della Professione presso commissioni, enti ed organizzazione di carattere istituzionale;
  4. promuovere e favorire le iniziative intese a facilitare il progresso culturale degli iscritti, anche in riferimento alla formazione universitaria finalizzata all’accesso alla professione;
  5. difendere la professione, interponendosi nelle controversie fra gli iscritti, o fra un iscritto e persona o ente;
  6. adottare e dare esecuzione ai provvedimenti disciplinari nei confronti di tutti gli iscritti all’albo e a tutte le altre disposizioni di Ordine disciplinare e sanzionatorio contenute nelle leggi e nei regolamenti in vigore;
  7. esercitare le funzioni gestionali comprese nell’ambito delle competenze proprie, come individuate dalla legge e dallo statuto;
  8. dare il proprio concorso alle autorità locali nello studio e nell’attuazione dei provvedimenti che comunque possano interessare la professione.

Quali le funzioni del Consiglio Direttivo?

Gli stessi articoli della stessa legge permettono di tracciare anche le funzioni dei Consigli Direttivi degli Ordini TSRM PSTRP:

  1. iscrivere i professionisti  all’Ordine  nel  rispettivo  albo, compilare e tenere gli albi dell’Ordine e pubblicarli  all’inizio  di ogni anno;
  2. vigilare sulla conservazione del  decoro  e  dell’indipendenza dell’Ordine;
  3. designare i  rappresentanti  dell’intero Ordine  (e non di singola professione) presso  commissioni, enti e organizzazioni di carattere provinciale o comunale;
  4. provvedere all’amministrazione dei beni spettanti all’Ordine e proporre all’approvazione dell’assemblea degli iscritti  il  bilancio preventivo e il conto consuntivo;
  5. proporre all’approvazione  dell’assemblea  degli  iscritti  la tassa annuale, anche diversificata  tenendo  conto  delle  condizioni economiche e lavorative degli iscritti, necessaria a coprire le spese di gestione, nonché’ la tassa per  il  rilascio  dei  pareri  per  la liquidazione degli onorari.

Quando si vota?

Ciascuno dei 61 Ordini indice le elezioni quindi tutte le informazioni su date e sedi sono disponibili sui siti istituzionali dei rispettivi Ordini. L’elenco completo dei siti è disponibile a questo indirizzo:

https://webadmin.tsrmweb.it/Public/ListaEnti.aspx

Il D.M 15 marzo 2019 prevede tre convocazioni.

La votazione è valida in prima convocazione quando abbiano votato almeno i 2/5 degli iscritti o in seconda convocazione almeno 1/5 degli iscritti.

A partire dalla terza convocazione la votazione è valida qualunque sia il numero dei votanti.

Per questo molti ordini, puntando su questo aspetto, danno maggiore risalto alla terza convocazione e, talvolta, pongono a orari strani la prima e la seconda convocazione.

Come si vota?

La votazione si effettua a mezzo di schede bianche relative ai componenti del Consiglio Direttivo (laddove si vada a rinnovo) e delle Commissioni d’Albo e schede gialle per i componenti del Collegio dei Revisori, con timbro dell’ordine.

Il voto può essere espresso per una intera lista, riportando nella scheda la denominazione della lista oppure riportando tutti i nominativi compresi nella lista.

Il voto può, inoltre, essere espresso riportando nella scheda uno o più nominativi presenti nelle liste oppure i nominativi dei candidati che si presentano singolarmente.

E’ importante presentarsi al seggio muniti di un documento di identità in corso di validità.