Andamento contagi COVID-19 (CORONAVIRUS) per regione e nazionale

Andamento contagi COVID-19 (CORONAVIRUS) per regione e nazionale
Dati ufficiali della Protezione Civile aggiornati alle ore 18:30 di ogni giorno.
Devi accettare i cookie statistics, marketing per vedere il video.

QUESTA SERA alle 21 LIVE su AIFI CHANNEL

 
🎥 “affrontare le paure al tempo del coronavirus: dalla scienza alla pratica professionale

Questa sera alle 21.00 secondo appuntamento con la tavola rotonda in live streaming sul canale Youtube AIFI Channel.

Ospiti:
✅ Il prof. Nicola Clementi, Virologo Molecolare, Ricercatore Universitario presso Università Vita-Salute San Raffaele di Milano

✅ La dott.ssa Elena Bravi, psicologa, Presidente della Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali, Direttore dell’Area Salute Mentale dell’APSS della Provincia di Trento.

✅ Due fisioterapisti specialisti in fisioterapia respiratoria dell’Ospedale Niguarda di Milano, DarioPometti e Andrea Lanza, ci parleranno delle “esperienze dal fronte”.

🎤 Padroni di casa:
il vicepresidente nazionale di A.I.FI.,  Simone Cecchetto e il presidente GIS Sport A.I.FI. Andrea Piazze.
Durante la diretta, sarà possibile inviare domande per costruire insieme la serata di dialogo e confronto di #restoacasaconAIFI

🌈❤️ Vi aspettiamo ⤵️

NEWS

Rassegna Stampa 30 Marzo

Disponibile la Rassegna Stampa settimanale di A.I.FI. focus su: La risposta di A.I.FI. ai messaggi ambigui circolati in questi giorni sull’epidemia e l’osteopatia

COVID-19 Combattiamo le FAKE NEWS
Osteopatia covid-19 l’emergenza non ammette zone d’ombra

Osteopatia covid-19 l’emergenza non ammette zone d’ombra

Anche e soprattutto in questi tempi drammatici segnati dal Covid-19, occorre essere in grado di distinguere realtà da fantasia, azioni urgenti e corrette da fumosi palliativi, sperimentazioni scientifiche da pozioni miracolose, lavoro quotidiano da proclami autoreferenziali.

Andamento contagi COVID-19 su base nazionale fino ad oggi
GiornoContagiScarto
24/02/202000 %
25/02/20203220 %
26/02/202040024.22 %
27/02/202065062.5 %
28/02/202088836.62 %
29/02/2020112827.03 %
01/03/2020169450.18 %
02/03/2020203620.19 %
03/03/2020250222.89 %
04/03/2020308923.46 %
05/03/2020385824.89 %
06/03/2020463620.17 %
07/03/2020588326.9 %
08/03/2020737525.36 %
09/03/2020917224.37 %
10/03/20201014910.65 %
11/03/20201246222.79 %
12/03/20201511321.27 %
13/03/20201766016.85 %
14/03/20202115719.8 %
15/03/20202474716.97 %
16/03/20202798013.06 %
17/03/20203150612.6 %
18/03/20203571313.35 %
19/03/20204103514.9 %
20/03/20204702114.59 %
21/03/20205357813.94 %
22/03/20205913810.38 %
23/03/2020639278.1 %
24/03/2020691768.21 %
25/03/2020743867.53 %
26/03/2020805398.27 %
27/03/2020864987.4 %
28/03/2020924726.91 %
29/03/2020976895.64 %
30/03/20201017394.15 %
31/03/20201057923.98 %
01/04/20201105744.52 %
02/04/20201152424.22 %
03/04/20201198273.98 %
04/04/20201246324.01 %
05/04/20201289483.46 %
06/04/20201325472.79 %
07/04/20201355862.29 %
08/04/20201394222.83 %
09/04/20201436263.02 %
Commenti sull'andamento del contagio
  • 22 Marzo – Da quando è cominciata la raccolta dei dati sui contagi da COVID-19 (24 febbraio) ad oggi (22 marzo) la variazione percentuale rispetto al giorno precedente è la più bassa registrata 10,38%. I numeri restano, in assoluto, drammaticamente alti ma bisogna prendere questo dato come un segno di fiducia nelle misure che sono state fin’ora prese. Non perdiamo la speranza e continuiamo in questo percorso di rinunce per il bene di tutti.
    Uniti ce la faremo
  • 23 Marzo – Confermato l’andamento positivo cominciato il 22 marzo. La differenza tra i casi riscontrati ieri e oggi è del 2% in meno, da 10.38% a 8.1%.
  • 24 Marzo – Non si segnalano differenze percentuali di rilevo nell’aumento dei contagi tra ieri ed oggi, sostanzialmente costante, oggi 8.2% ieri 8.1%
  • 25 Marzo – Il buon andamento si conferma oggi netto. Si consolidano le differenze al ribasso dei giorni scorsi. La crescita percentuale dei contagi è passata da 8.21% di ieri a 7.53% di oggi. I numeri sono sempre, lo ripetiamo, drammatici ma gli sforzi stanno portando i loro frutti. Restiamo tutti concentrati all’obiettivo e non vanifichiamo gli sforzi fin qui fatti.
  • 26 Marzo – Battuta d’arresto oggi del trend al ribasso registrato nei giorni scorsi. La differenza percentuale dei contagi è tornata a salire facendo segnare un 8.27% contro il 7.53% di ieri.
    I contagi al Sud, che resta sorvegliato speciale, crescono ma rimangono sotto quota 6.000 precisamente 5.726 contagi totali.
  • 27 Marzo – Ritorna ai valori dell’altro ieri la differenza percentuale che oggi si attesta al 7.4%. A questo dato, in generale positivo, fa eco il record negativo di decessi che ha totalizzato, nella sola giornata di oggi, l’impressionante cifra di 969. Il pensiero va ai defunti e ai loro familiari come a tutti gli operatori sanitari che lottano, da settimane, una battaglia impari. Siete l’orgoglio dell’Italia.
  • 28 Marzo – La tendenza si conferma in diminuzione, la differenza percentuale tra i contagi di ieri ed oggi è del 6,91%. È sempre più probabile che si vada verso il sospirato appiattimento della curva.
  • 29 Marzo – Ancora un calo nella differenza percentuale dei nuovi contagi tra ieri ed oggi 5.64%. Se l’andamento continuerà è probabile che, alla fine della prossima settimana, potremo cominciare a vedere finalmente percentuali negative tra un giorno e l’altro. Incrociamo le dita e continuiamo a osservare le regole per il contenimento
  • 30 Marzo – Sesto giorno consecutivo di riduzione nell’incremento percentuale: ieri 5.64% oggi 4.15%. É molto probabile che il picco dei contagi sarà raggiunto nei prossimi giorni, al picco farà seguito un appiattimento della curva con conseguente inversione percentuale del numero di nuovi contagi.
    Ripetiamo, come sempre, l’invito a rispettare le disposizioni per il contenimento della diffusione.
  • 31 Marzo – Si conferma, anche se di poco, l’andamento al ribasso 3.98% rispetto al 4.15% di ieri, sostanzialmente una giornata che segna il passo, bisogna continuare tutti a “tenere alta la guardia” come ricordato dall’Istituto Superiore di Sanità. Grande attenzione anche al Sud che resta ancora sotto la soglia psicologica dei 10.000 contagi (totale ad oggi 8.694 ).
  • 01 Aprile – Andamento altalenante, dovremo abituarci.
    Tra i motivi della mancata diminuzione in questi giorni c’è il maggior numero di tamponi effettuati, che oggi sono arrivati alla cifra totale di 506.968
  • 02 Aprile – Nessun rilievo rispetto alla situazione di ieri lievissimo calo della percentuale dal 4.52% di ieri al 4.22% di oggi
  • 03 Aprile – Piccola scostamento in meno dal 4.22% di ieri al 3.98% di oggi
  • 04 Aprile – Nessuna variazione, la differenza percentuale resta più o meno costante (ieri 3.98% oggi 4.01%)
  • 05 Aprile – In riduzione di mezzo punto percentuale dal 4.01% di ieri al <strong>3.46%</strong> di oggi. Lenta discesa speriamo costante.
  • 06 Aprile – Possiamo dire che probabilmente tra breve il numero di contagi tra un giorno e il successivo comincerà a diminuire, incrociamo le dite e soprattutto restiamo in casa
  • 07 Aprile – Ennesimo calo consecutivo di mezzo punto percentuale da 2.79% di ieri al 2.29% di oggi
  • 08 Aprile – Piccola impennata siamo tornati ai dati di lunedì 06 Aprile (oggi 2.83% ieri 2.29%) . Questo dimostra che non sarà una discesa veloce, continuiamo a mantenere la distanza sociale

Disponibili i dati del 09 Aprile
Dati praticamente invariati si passa da 2.83% di ieri al 3.02.% di oggi.

Aggiungiamo un nuovo grafico con i casi totali per giorno, il grafico mostra come il massimo di nuovi contagi tra un giorno e l’altro sembra sia stato superato il 21 Marzo.
Quanto più l’andamento di questo grafico tenderà al basso tanto più risulterà appiattita la curva del grafico coi contagi totali.
È lecito un cauto ottimismo.

Regioni del Nord che compongono il grafico: Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche.

Regioni del Sud: Le altre regioni

Lascia un commento