SULLE TASSE UNIVERSITARIE DA PAGARE PER I CORSI DIEQUIPOLLENZA ALLA LAUREA DI 1° LIVELLO, MENTRE IL TAR RINVIA AD ALTRA DATA OGNIDECISIONE E L'UNIVERSITA' DI TOR VERGATA INTRODUCE ULTERIORI ELEMENTI DICONFUSIONE, MAURO TAVARNELLI E PINO MANCINI SCRIVONO AL MAGNIFICO RETTORECHIEDENDO CHIARIMENTI

Certo è che la questione delle"tasse universitarie", relative alla iscrizione ai corsi perl'equipollenza fra i titoli di Terapisti della Riabilitazione, ovveroFisioterapisti, e "Laurea breve", che, poi, sempre il titolo diFisioterapista conferisce, con riferimento all'Università di Tor Vergata diRoma, sta diventando una specie di "telenovela".

E questo, non ostante, da più parti (Associazioni diRappresentanza, Tar e lo stesso Ateneo capitolino) si sia cercato di trovareun'equa soluzione.

Sembrava, infatti che il TAR, allertato daiFisioterapisti e dai Logopedisti, siccome aveva fissato con tempestività unaseduta di Consiglio, sospendendo al contempo il pagamento della seconda rataannuale, avrebbe provveduto in breve a pronunciarsi in merito, sollecitandol'Università (questa, almeno, era l'aspettativa) a ridimensionare le sue"pretese" ed a parametrare al reddito di ciascuno i livelli di esazione.
Il TAR, invece, riunitosi i giorni scorsi, non avendo ravveduto particolarimotivi d'urgenza, in quanto il pagamento di una tassa universitaria non è ritenuto "danno irreparabile", ha rinviato il giudizio adaltra data.
Nel frattempo l'Università che, per proprio conto, di fronte alla levata discudi della Associazioni avrebbe pure potuto, conformemente alla prassigenerale, rettificare il "tiro" ed applicare, in conformità al reddito diciascuno, tasse diversificate, ha prodotto un'innovazione che, per diversimotivi, ha procurato altra confusione.
Senza curarsi, infatti, di quanto, in modo uniforme, tutti gli iscritti ai corsidi equipollenza avevano pagato con la prima rata, ha provveduto ad applicare,sulla base della vetustà dei titoli posseduti, una diversificazione impositivacorrispondente rispettivamente ad Euro 206,58 per i possessori di DiplomaUniversitario e ad Euro 599,00 per i possessori dei titoli pregressi.
A questo punto, viene naturale chiedersi il perché di questa diversificazionedal momento che non esistono, a nostro parere, motivi obiettivi che lagiustifichino.
Per quanto riguarda il mondo della riabilitazione, infatti, non solo riteniamoche, né dal punto di vista professionale, né in termini di diritto, esistanodifferenze tra chi ha conseguito il titolo in passato e chi l'ha, invece,conseguito di recente, ma soprattutto, se la vetustà del titolo implica unadiversificazione di valori, per quale ragione, allora, ci domandiamo, TorVergata, ai fini del conseguimento del Titolo di "Laureato di 1° Livello",ha messo gli "aspiranti" alla Laurea breve tutti allo stesso livello?
Sulla base di questo stato di cose, onde promuovere un utile chiarimento, MauroTavarnelli, Presidente dell'Associazione Fisioterapisti del Lazio, nonchéResponsabile dell'Ufficio Giuridico Nazionale, e Pino Mancini, Presidentedell'Associazione dei Logopedisti del Lazio (ARLL), il 5 di Luglio, hannopreso carta e penna e scritto al Magnifico Rettore dell'Università di TorVergata la lettera che, di seguito, riportiamo.

Gian PieroCalchetti

Al Magnifico Rettore dell'Università di Tor Vergata
R O M A

Oggetto: Chiarimenti in meritoalla Legge sull'equipollenza

A nome di tutti gli studenti iscritti al Corso dicompletamento studi per il conseguimento della laurea di 1° livello perFisioterapisti, con la presente chiediamo chiarimenti in merito alla rettificaapportata al pagamento della seconda rata, per cui i possessori di DiplomaUniversitario pagherebbero Euro 206,58 e tutti gli altri Euro 599,00.

Chiediamo in particolare l'applicazione della Legge 42del 26/02/'99, D.L. 502 del 30/12/'92, D. 27/07/00 (di cui alleghiamocopia), che prevede l'equipollenza di tutti i Diplomi ai Diplomi Universitari.

In caso di altra applicazione, chiediamo altresìchiarimenti relativi alle motivazioni inerenti la diversa interpretazione dellaLegge succitata.

Restiamo in attesa di una Vs gentile risposta.

Cordiali saluti

Mauro Tavarnelli
Presidente dell'Associazione Fisioterapisti del Lazio
Responsabile dell'Ufficio Giuridico Nazionale

Pino Mancini
Presidente dell'Associazione dei Logopedisti del Lazio (ARLL)