06/05/2019
w

Ai nastri di partenza il congresso mondiale WCPT 2019 a Ginevra

Dopo gli indimenticabili congressi a Singapore e Città del Capo, i fisioterapisti di tutto il mondo hanno generato uno slancio inarrestabile, un senso di unità professionale e una leadership interculturale. Ormai siamo prossimi all’evento tanto atteso, nella bellissima Ginevra, il Congresso Mondiale della WCPT. L’evento sarà ospitato dall’Associazione Svizzera PhysioSwiss, membro della WCPT dal 1963. È in questi contesti che il mondo della fisioterapia si incontra, rinnovando vecchie amicizie mentre se ne alimentano di nuove per il futuro della professione.

Questo congresso, in particolare, è un evento molto atteso, sia per l’elevato livello delle sessioni e dei rispettivi speaker ma anche perché, la Svizzera, essendo sede di molte organizzazione internazionali, offrirà alla WCPT un’opportunità unica di collaborazione ad altissimo livello con le varie organizzazione globali presenti. Questa attesa è spiegata meglio dalla presidente Emma Stokes, la quale, il giorno della annuncio ufficiale della sede, ha dichiarato: “Sarà meraviglioso accogliere delegati di tutto il mondo nella bellissima città di Ginevra, sede delle Nazioni Unite, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, del Comitato Internazionale della Croce Rossa e di molte altre organizzazioni globali”.
Il ritmo con cui la comunità mondiale si incontra è ormai biennale a confronto del tradizionale evento “ogni quattro anni”, i fisioterapisti del mondo hanno così frequenti occasione di confronto, scambio e apprendimento da diverse esperienze internazionali.
Il Comitato del programma del Congresso, presieduto dalla Professoressa Charlotte Häger, ha sviluppato un programma all’avanguardia con una varietà di argomenti e formati di sessione a misura di tutti, in modo tale che il congresso sia pertinente per ogni fisioterapista nelle sue diverse competenze da clinico, da dirigente, da ricercatore, da educatore etc.

26 Focused Symposia

1. Evolution of advanced practice in the global community, who benefits?
2. Strategies to improve the application of evidence to individual patients
3. We need to talk about data
4. Exercise testing and training considerations for cancer survivor rehabilitation
5. Preparing cardiorespiratory physical therapists for technology revolution in the digital age
6. Diversity and inclusion – what this means for physiotherapy
7. Education research in physical therapy: making the invisible – visible
8. Technology and informatics curriculum considerations for physiotherapy university programs
9. The evidenced role of electrophysical modalities in contemporary physical therapy
10. Falls around the world – a global perspective to prevention
11. Leadership and leadership development in physiotherapy
12. Rehabilitation of persons with lower limb amputations: the icrc’s experience
13. Physical therapy in mental health
14. Improving mobility levels of hospitalised patients
15. Modern technology in rehabilitation
16. Can you imagine? motor imagery in neurorehabilitation
17. How about work? integrating occupational factors within musculoskeletal physiotherapy
18. The shoulder & elbow: advances in assessment and management
19. Toxic stress, trauma and pain management in vulnerable populations
20. Physical activity: positioning physiotherapy as a global force for change
21. Improvement of and access to physical therapy in knee-hip osteoarthritis
22. Preoperative physiotherapy management for patients undergoing major visceral surgery
23. Early rehabilitation in humanitarian emergencies – challenges and successes
24. Strengthening rehabilitation leadership in line with who rehabilitation 2030 agenda
25. Personalized training with neuromodulation and virtual reality technologies in stroke
26. Maximize the effectiveness of robot-assisted gait training after stroke

In quest’ultimo simposio parteciperà anche l’ingegnere italiano Tamburella Federica, già nota alla platea interazionale della WCPT per le sue competenze in riabilitazione robotica.
In aggiunta al già ricchissimo ed intenso programma, è possibile partecipare ai corsi pre e post congressuali, alle visite cliniche ospitate da strutture sanitarie svizzere, ed alle sessioni di networking. Un’infinità di occasioni per apprendere, approfondire, confrontarsi, incontrare colleghi da ogni parte del mondo, scambiare informazioni. Per chi volesse sfruttare fino in fondo le occasioni offerte dal congresso mondiale, è stata organizzato persino un viaggio-studio: si parte subito dopo il congresso per visitare Italia, Grecia e Croazia, in una crociera che prevede (anche) corsi di aggiornamento professionale.
Sarà un evento da ricordare, una nuova milestone nel percorso di crescita come comunità globale di fisioterapia. Non si possono perdere queste occasioni.
Ai nostri giorni, può sembrare che il Mondo, e forse anche la nostra professione, stiano diventando più frammentati. La WCPT mira a creare una comunità globale in cui ogni fisioterapista si senta in contatto e possa superare anche le proprie aspettative. Estendendo le nostre conoscenze e connettendoci l’un l’altro, è possibile avanzare nella pratica a beneficio delle popolazioni e degli individui e delle comunità che serviamo.

Articolo tratto dalla rivista “Fisioterapisti” N.72