ROMA – Ricominciare. Anzi, “ricominciamo”. Perché è “insieme che ce la faremo“. Mauro Tavarnelli, rieletto per i prossimi tre anni presidente dell’AIFI, riparte dai progetti portati avanti nello scorso mandato. E che ora saranno completati. “Dobbiamo da subito continuare quello che stavamo facendo- ha detto al termine del Congresso che lo ha confermato alla guida dell’Associazione Italiana Fisioterapisti, con 317 voti-. Tutto ciò che abbiamo in essere va immediatamente ripreso, perché così possiamo veramente puntare allo sviluppo della fisioterapia, al miglioramento della scienza e delle condizioni di salute dei cittadini”.

Le impellenze sono diverse, ma una è immediata: “Portare a termine nel miglior modo possibile il Ddl 3868, cioè il disegno di legge Lorenzin (sulla riorganizzazione degli Ordini e delle professioni sanitarie, ndr) che sarà in discussione tra pochi giorni”. Poi sarà “fondamentale riprendere tutte quelle attività che possono portare all’affermazione della nostra professione e alla sua utilità sociale” ha aggiunto Tavarnelli. Il presidente rieletto, a conclusione del Congresso di Roma, ha quindi invitato tutti a una camminata “catartica” lungo l’Appia Antica. E da domani “parte una nuova avventura”.