AUTORI

F. Ciaghi, A. Dal Bianco, O. Guarese

ABSTRACT

Introduzione: Le disfunzioni perineali, di cui gravidanza e parto rappresentano i principali fattori eziologici, costituiscono all’interno della popolazione femminile un problema diffuso, con effetti pesanti sulla qualità della vita e costi rilevanti per i sistemi sanitari.

Obiettivi: Determinare la prevalenza di disfunzioni perineali (incontinenza urinaria, incontinenza anale, dolore pelvico, dispareunia, prolasso, dolore lombare) in donne primipare che hanno partorito per via vaginale in base all’esposizione o meno ad alcuni fattori di rischio. Inoltre si intende indagare il tasso di partecipazione al Corso di accompagnamento alla nascita, consigliato a tutte le partorienti, e la numerosità di donne che in questo corso hanno appreso gli esercizi per il pavimento pelvico e li hanno successivamente eseguiti.

Materiali e metodi: 44 donne sono state esposte a fattori di rischio per lo sviluppo delle disfunzioni perineali durante il parto (gruppo di donne esposte -GE); 38 donne non sono state esposte ai fattori di rischio legati al parto (gruppo di donne non esposte -GN). L’indagine è stata condotta dopo 6 mesi dal parto attraverso un’intervista e l’uso del questionario International Consultation on Incontinence Questionnaire – Short Form. Il tasso di partecipazione al Corso di accompagnamento alla nascita è stato ricavato dalla documentazione clinica, i dati relativi alla numerosità delle donne che hanno appreso gli esercizi e li hanno svolti sono stati indagati con l’intervista.

Risultati: A distanza di 6 mesi dal parto la prevalenza delle disfunzioni perineali è maggiore in GE rispetto a GN (dolore lombare 11.4% vs 7.9%, dolore pelvico 6.8% vs 2.6%, incontinenza urinaria 20.5% vs 10.5%, incontinenza anale 4.5% vs 2.6%, dispareunia 9% vs 2.6%, prolasso 4.5% in GE). La partecipazione ai corsi di accompagnamento alla nascita è stata maggiore in GE rispetto a GN, (81.8% vs 68.4%); basso è il numero delle donne che conosce gli esercizi per il pavimento pelvico, (47.7% vs 36.8% ) e che durante la gravidanza li ha effettivamente svolti (13.6% vs 23,7% ).

Discussione e conclusioni: I dati confermano che nelle donne esposte ai fattori di rischio vi è una prevalenza maggiore di disfunzioni perineali, anche se non vi è rilevanza statistica (p>0,05). I corsi di accompagnamento alla nascita, che hanno un alto tasso di adesione, potrebbero rappresentare un’occasione per informare tutte le donne sulle disfunzioni perineali e fornire strumenti di prevenzione. Inoltre le donne esposte ai fattori di rischio potrebbero essere individuate precocemente attraverso la Perineal Card, predisponendo efficaci interventi di recupero.

PAROLE CHIAVE:

Pelvic Floor Dysfunctions, Pregnancy, Childbirth, Pelvic Floor Muscle Training, Prevention

FULL TEXT, riservato ai soli SOCI AIFI

per accedere all’allegato effettua il LOGIN al sito web.

Scienza riabilitativa 17.1 Art.1

Allegato_1_ICIQ-SF

Allegato_2_questionario