Andamento contagi COVID-19 (CORONAVIRUS) per regione e nazionale

18 Giu 2021

l

Riepilogo

 

È possibile che gli aggiustamenti ed i ricalcoli delle regioni alterino il numero reale di nuovi contagi.

Andamento contagi covid in base ai Casi totali per giorno

Prima ondata
ll grafico mostra come il picco di nuovi contagi sia stato raggiunto il 21 di Marzo. con 6557 casi

Secondo ondata
Il grafico evidenzia un picco il 13 Novembre con oltre 40.000 casi

Tabella Riepilogativa Contagi per giorno

Andamento contagi COVID-19 per giorno

Andamento contagi tra Nord e Sud Italia aggiornato al 20/06/2021

Regioni del Nord che compongono il grafico: Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche.

Regioni del Sud: Le altre regioni

Andamento contagi COVID-19 in Piemonte

Andamento contagi COVID-19 in Valle d’Aosta

Andamento contagi COVID-19 in Lombardia

Andamento contagi COVID-19 in Trentino Alto Adige

Andamento contagi COVID-19 in Veneto

Andamento contagi COVID-19 in Friuli Venezia Giulia

Andamento contagi COVID-19 in Liguria

Andamento contagi COVID-19 in Emilia Romagna

Andamento contagi COVID-19 in Toscana

Andamento contagi COVID-19 in Umbria

Andamento contagi COVID-19 in Marche

Andamento contagi COVID-19 in Lazio

Andamento contagi COVID-19 in Abruzzo

Andamento contagi COVID-19 in Molise

Andamento contagi COVID-19 in Campania

Andamento contagi COVID-19 in Puglia

Andamento contagi COVID-19 in Basilicata

Andamento contagi COVID-19 in Calabria

Andamento contagi COVID-19 in Sardegna

Andamento contagi COVID-19 in Sicilia

Commenti e Note

Commenti sull'andamento del contagio
  • 22 Marzo – da quando è cominciata la raccolta dei dati sui contagi da COVID-19 (24 febbraio) ad oggi (22 marzo) la variazione percentuale rispetto al giorno precedente è la più bassa registrata 10,38%. I numeri restano, in assoluto, drammaticamente alti ma bisogna prendere questo dato come un segno di fiducia nelle misure che sono state fin’ora prese. Non perdiamo la speranza e continuiamo in questo percorso di rinunce per il bene di tutti.
    Uniti ce la faremo
  • 23 Marzo – confermato l’andamento positivo cominciato il 22 marzo. La differenza tra i casi riscontrati ieri e oggi è del 2% in meno, da 10.38% a 8.1%.
  • 24 Marzo – non si segnalano differenze percentuali di rilevo nell’aumento dei contagi tra ieri ed oggi, sostanzialmente costante, oggi 8.2% ieri 8.1%
  • 25 Marzo – il buon andamento si conferma oggi netto. Si consolidano le differenze al ribasso dei giorni scorsi. La crescita percentuale dei contagi è passata da 8.21% di ieri a 7.53% di oggi. I numeri sono sempre, lo ripetiamo, drammatici ma gli sforzi stanno portando i loro frutti. Restiamo tutti concentrati all’obiettivo e non vanifichiamo gli sforzi fin qui fatti.
  • 26 Marzo – battuta d’arresto oggi del trend al ribasso registrato nei giorni scorsi. La differenza percentuale dei contagi è tornata a salire facendo segnare un 8.27% contro il 7.53% di ieri.
    I contagi al Sud, che resta sorvegliato speciale, crescono ma rimangono sotto quota 6.000 precisamente 5.726 contagi totali.
  • 27 Marzo – ritorna ai valori dell’altro ieri la differenza percentuale che oggi si attesta al 7.4%. A questo dato, in generale positivo, fa eco il record negativo di decessi che ha totalizzato, nella sola giornata di oggi, l’impressionante cifra di 969. Il pensiero va ai defunti e ai loro familiari come a tutti gli operatori sanitari che lottano, da settimane, una battaglia impari. Siete l’orgoglio dell’Italia.
  • 28 Marzo – la tendenza si conferma in diminuzione, la differenza percentuale tra i contagi di ieri ed oggi è del 6,91%. È sempre più probabile che si vada verso il sospirato appiattimento della curva.
  • 29 Marzo – ancora un calo nella differenza percentuale dei nuovi contagi tra ieri ed oggi 5.64%. Se l’andamento continuerà è probabile che, alla fine della prossima settimana, potremo cominciare a vedere finalmente percentuali negative tra un giorno e l’altro. Incrociamo le dita e continuiamo a osservare le regole per il contenimento
  • 30 Marzo – sesto giorno consecutivo di riduzione nell’incremento percentuale: ieri 5.64% oggi 4.15%. É molto probabile che il picco dei contagi sarà raggiunto nei prossimi giorni, al picco farà seguito un appiattimento della curva con conseguente inversione percentuale del numero di nuovi contagi.
    Ripetiamo, come sempre, l’invito a rispettare le disposizioni per il contenimento della diffusione.
  • 31 Marzo – si conferma, anche se di poco, l’andamento al ribasso 3.98% rispetto al 4.15% di ieri, sostanzialmente una giornata che segna il passo, bisogna continuare tutti a “tenere alta la guardia” come ricordato dall’Istituto Superiore di Sanità. Grande attenzione anche al Sud che resta ancora sotto la soglia psicologica dei 10.000 contagi (totale ad oggi 8.694 ).
  • 01 Aprile – andamento altalenante, dovremo abituarci.
    Tra i motivi della mancata diminuzione in questi giorni c’è il maggior numero di tamponi effettuati, che oggi sono arrivati alla cifra totale di 506.968
  • 02 Aprile – nessun rilievo rispetto alla situazione di ieri lievissimo calo della percentuale dal 4.52% di ieri al 4.22% di oggi
  • 03 Aprile – piccola scostamento in meno dal 4.22% di ieri al 3.98% di oggi
  • 04 Aprile – nessuna variazione, la differenza percentuale resta più o meno costante (ieri 3.98% oggi 4.01%)
  • 05 Aprile – in riduzione di mezzo punto percentuale dal 4.01% di ieri al <strong>3.46%</strong> di oggi. Lenta discesa speriamo costante.
  • 06 Aprile – possiamo dire che probabilmente tra breve il numero di contagi tra un giorno e il successivo comincerà a diminuire, incrociamo le dite e soprattutto restiamo in casa
  • 07 Aprile – ennesimo calo consecutivo di mezzo punto percentuale da 2.79% di ieri al 2.29% di oggi
  • 08 Aprile – Piccola impennata siamo tornati ai dati di lunedì 06 Aprile (oggi 2.83% ieri 2.29%) . Questo dimostra che non sarà una discesa veloce, continuiamo a mantenere la distanza sociale
  • 09 Aprile – dati praticamente invariati si passa da 2.83% di ieri al 3.02.% di oggi.
  • 10 Aprile – nuovamente in discesa la differenza percentuale tra ieri e oggi è di 2.75%
  • 11 Aprile – di nuovo un passo indietro, anche se di poco (3.18% oggi 2.75% ieri). È dal 5 di Aprile che i dati salgono e scendono restando sostanzialmente invariati. Ci siamo abituati a vedere poche o nessuna variazione e sarà così probabilmente anche nei prossimi giorni.
    Anche se il sole splende in quasi tutta Italia restiamo tutti serenamente in casa. #RispettiamoLeDistanze
  • 12 Aprile – l’andamento ha ripreso il giusto verso, la differenza tra ieri ed oggi è scesa dal 3.18% al 2.69%.
  • 13 Aprile – differenza tra ieri ed oggi al 2.02%, ieri era al 2.69%. Continua la discesa, tra qualche giorno dovremmo vedere la percentuale entrare in terreno negativo.
  • 14 Aprile – discesa lieve ma dal forte valore simbolica 1.86%, sotto il muro del 2%, ieri era al 2.02%.
  • 15 Aprile – si conferma la discesa oggi 1.64% contro il 1.86% di ieri. Piccolo passo verso una possibile stabilizzazione del contagio e si spera presto regressione. Guardando il primo grafico si evidenzia che siamo, come numero di nuovi contagi, all’incirca a quelli del 13 Marzo scorso, con la positiva differenza che la curva è adesso in discesa.
  • 16 Aprile – valori percentuali sulle montagne russe, oggi passo indietro dal 1.86% di ieri si torna a il 2.29 di oggi, che assomiglia al 2.02 di lunedì 13 Aprile.
  • 17 Aprile – ieri 2.29% oggi 2.07% si torna a scendere, anche se impercettibilmente. Si riprende una lenta discesa, questa stagnazione dei valori è anche dovuta all’aumentato numero di tamponi che sta consentendo di individuare molti più contagiati di prima.
    Sempre attenzione e non lasciamoci prendere dai facili entusiasmi
  • 18 Aprile – ancora in lievissima riduzione l’andamento dei contagi dal 2.07% ieri al 2.02% di oggi.
    Vista la relativa stabilità dei dati proveremo nei prossimi giorni ad osare un grafico di previsione. Continuate a seguirci.
  • 19 Aprile1.73% dal 2.02% di ieri, mai uno scosatamento percentuale così basso dall’inizio del contagio. Continua la discesa oggi più marcata di ieri.
  • 20 Aprile – continua la discesa per il secondo giorno consecutivo con uno stabile e deciso decremento, oggi la differenza percentuale è di <strong>1.26%</strong> rispetto al 1.73% di ieri
  • 21 Aprile – 1.26% ieri oggi 1.51%, lieve peggioramento ma nella norma, soprattutto con l’aumento dei tamponi eseguiti. Bisogna aspettare ancora qualche giorno per poter vedere le prime percentuali negative.
  • 22 Aprile – 1.83% oggi rispetto ad 1.51% di ieri ed al 1.26% di lunedì. L’aumento non indica un reale peggiormaento della situazione ma piuttosto il grande incremento del numero di tamponi effettuati (oltre 1.500.000).
  • 23 Aprile – oggi 1.41% rispetto a ieri 1.83%, questo ultimo passaggio prima di cominciare a vedere cifre negative è più lungo del previsto. Nel complesso i dati sono stabili e la tendenza è decisamente in discesa.
  • 24 Aprile – oggi 1.59% ieri 1.41% i dati sono stabili e praticamente invariati rispetto a ieri.
  • 25 Aprile – oggi 1.22% ieri 1.59% molto simile al 1.29% di lunedì scorso. Lentamente ci avviciniamo allo 0%
  • 26 Aprile – oggi 1.19 rispetto al 1.22% di ieri
  • 27 Aprile – oggi 0.88% comincia nel modo migliore la settimana, infranto un altro muro psicologico; la differenza tra ieri ed oggi e sotto il fatidico 1%.
    Sarà una settimana importante con le prime riaperture, restiamo vigili e diligenti. Nei prossimi giorni capiremo se il contagio resterà sotto controllo.
  • 28 Aprile – oggi 1.05% rispetto a 0.88% di ieri. Indagine prospettica su fisioterapisti nella pandemia da SARS-CoV-2
  • 29 Aprile – oggi 1.04% rispetto a 1.05% di ieri.
  • 30 Aprile – oggi 0.92% rispetto allo 1.04% di ieri, dati sostanzialmente stabili negli ultimi giorni.
  • 01 Maggio – 0.96% ieri 0.92%, variazioni trascurabili, andamento costante
  • 02 Maggio – oggi 0.92% ieri 0.96%
  • 03 Maggio – deciso passo in avanti verso quota 0% oggi 0.66% rispetto allo 0.92% di ieri
  • 04 Maggio – oggi 0.58% ancora in costante discesa l’andamento dei nuovi casi; oggi è di 1221, molto simile al dati del 07 Marzo quando i contagiati furono: 1247 (vedere il primo grafico)
  • 05 Maggio – valori stabili e comunque in discesa. 0.51% la differenza di incremento tra ieri ed oggi, solo 1075 nuovi contagi. Il 21 marzo, giorno del picco massimo, in Italia si contavano 6557 nuovi casi
  • 06 Maggio – oggi 0.68%, peggiora leggermente la curva con circa 400 nuovi contagiati in più rispetto a ieri; oggi i nuovi contagi sono 1444 contro i 1075 di ieri. <br />Distanziamento sociale e profilassi restano le armi migliori per contenere la ripresa del contagio. Disponibile l’aggiornamento Emergenza COVID-19: indicazioni per fisioterapisti e pazienti
  • 07 Maggio – praticamente invariati i valori tra ieri 0.68% ed oggi 0.65%
  • 08 Maggio – oggi 0.61%
  • 09 Maggio – oggi 0.50% i dati sono stabili
  • 10 Maggio – 0.37% oggi rispetto a 0.50% di ieri con soltanto 802 nuovi contagi.
  • 11 Maggio – 0.35% rispetto allo 0.37% di ieri praticamente valori invariati. In diminuzione i nuovi contagi che sono 744
  • 12 Maggio – 0.64% con 1402 nuovi contagi, sarebbe un risultato allarmante se non ci fossero 419 contagi non conteggiati in Lombardia nelle scorse settimane e che sono stati aggiunti oggi.
  • 13 Maggio – 0.40% ritornano i valori soliti con una lievissima tendenza al ribasso, oggi 888 nuovi casi di contagio
Dati ufficiali della Protezione Civile elaborati da A.I.FI. e aggiornati tutti i giorni alle ore 18:30.